Colloquio di lavoro: anche i più esperti possono fallire

Ci sono persone che nella loro vita si sono trovate a fare centinaia di colloqui, magari perché hanno iniziato a lavorare da giovani, magari perché nonostante abbiano un impiego sono alla ricerca di una posizione più interessante, che sia capace di regalare loro maggiori soddisfazioni e che sia magari anche capace di offrire a fine mese uno stipendio molto più importante. Si tratta di persone che credono ormai di essere delle vere e proprie esperte in colloqui, tanto che spesso elargiscono consigli su consigli. Basterebbe che si fermassero però per un momento a pensare a quanti colloqui sono andati a buon fine per rendersi conto che in realtà non sono affatto esperti, anzi.

Se numerosi colloqui sono stati un vero fallimento, se non siete stati richiamati, se non siete riusciti ad ottenere quel posto tanto ambito, forse è il caso di soffermarsi per un attimo a riflettere per cercare di comprendere che cosa sia andato storto. Non potete semplicemente dirvi che non era destino, che un candidato era migliore di voi o che forse voi non eravate ciò che quell’azienda stava cercando, perché tutto questo magari non è affatto vero, perché magari il vero problema è che durante il colloquio di lavoro non siete riusciti a fare una buona impressione. E non dovete neanche stare a sentire coloro che vi dicono che forse non avevate l’aspetto desiderato, che non siete insomma abbastanza belli e attraenti, abbastanza carichi di fascino, abbastanza curati  e ben vestiti. Certo, anche queste cose hanno il loro peso in alcune tipologie di lavori, ma appunto solo in alcuni casi e comunque il talento e le competenze vengono sempre al primo posto.

È molto più probabile invece che abbiate sbagliato del tutto il vostro atteggiamento, che vi siate posti in maniera poco professionale, che siate apparsi titubanti, alla fine non poi così desiderosi di ottenere quel posto di lavoro. Molto probabilmente non siete stati in grado neanche di dimostrare quali siano le vostre competenze perché i vostri discorsi non erano poi così chiari e concisi e perché anche il vostro curriculum vitae potrebbe essere apparso poco chiaro, caotico. Non avete mai pensato a tutto questo non è vero? Non avete mai pensato che questi potrebbero essere i problemi che hanno portato al fallimento di tutti i colloqui che avete intrapreso sino ad oggi? Effettivamente non si tratta di una consapevolezza semplice da raggiungere, ma adesso che finalmente vi siete soffermati su tutti questi punti, è arrivato il momento di reagire, di prepararvi al meglio al vostro prossimo colloquio per fare in modo che non sia assolutamente un fallimento. Come? Facendo affidamento su un professionista del settore.

Potete trovare un professionista di questa tipologia che si dedichi con tutto se stesso a questo compito sulla nuova piattaforma JoJump, una startup che nasce proprio per garantire un valido aiuto alla preparazione di un colloquio lavorativo e alla stesura del proprio curriculum vitae. Potete scegliere vari pacchetti in modo da riuscire a rispondere alle vostre specifiche esigenze e in modo da ottenere la consulenza di varie tipologie di professionisti, la consulenza infatti di una figura esperta nelle risorse umane, la consulenza di un tecnico del vostro specifico settore lavorativo e la consulenza sulla lingua inglese nel caso in cui il colloquio non venga svolto in italiano.

Grazie ad un servizio di questa tipologia finalmente arriverete al colloquio più che preparati e quel posto di lavoro sarà finalmente vostro.

Dove trovare le proposte di lavoro per funzionari

Il mercato del lavoro è in continuo movimento, evolve e cambia continuamente. Non solo il lavoro inteso in senso stretto ma anche le modalità di ricerca di nuove opportunità. Per ciò che concerne le nuove proposte di lavoro per funzionari si possono adottare varie strategie di ricerca. Un tempo l’inserimento e l’avviamento al lavoro avveniva per ufficio di collocamento, conoscenza diretta in azienda o concorso pubblico per impiego statale. Continua a leggere

I migliori siti per ricercare un lavoro

Internet come alleato nella ricerca di un lavoro. Sono in tantissimi che, nell’era digitale, prediligono il web come strumento per cercare un lavoro. I portali di offerte sono tantissimi e spesso diventa difficile districarsi tra loro. Per capire quali sono i più affidabili ci si può basare, in prima istanza, su alcuni servizi messi a disposizione degli utenti: la registrazione con inserimento di user e psw personali; un’area riservata dove gestire il proprio profilo; un modulo per l’inserimento del curriculum e la possibilità di caricarlo dal proprio pc; l’aggiornamento costante delle offerte e lo status dell’iter di selezione a cui ci si è iscritti. Questi sono alcuni dei parametri da valutare per capire la bontà di un portale di offerte di lavoro, fattori che sono presenti nei siti segnalati nella nostra seguente mini guida.

  • http://www.infojobs.it/ Più che di un portale si tratta di una delle più famose società di recruitment online. L’utente visualizza le offerte di lavoro postate da agenzie interinali, agenzie del lavoro e aziende. All’interno del portale avviene l’incontro tra domanda ed offerta in maniera molto semplice: l’aspirante candidato, una volta inserito il proprio Cv, risponde direttamente all’annuncio con un click. Egli potrà monitorare la selezione nella propria area personale.
  • http://www.monster.it/. Ha il medesimo funzionamento e la stessa fama di Infojobs (spesso vi sono uguali offerte di lavoro su entrambi). Portale affidabile, costantemente aggiornato e di facile navigabilità e utilizzo.
  • http://www.jobrapido.it/. Si tratta di un motore di ricerca lavoro. Basta inserire la tipologia di lavoro che si sta cercando (o una keyword che lo identifichi) e il luogo. Il sistema genererà una risposta adeguata, che include le proposte di lavoro di aziende, portali, siti specializzati.
  • http://lavoro.corriere.it/. E’ il portale di recruiting on-line del gruppo RCS Mediagroup, Corriere della Sera. Il nome stesso è sinonimo di qualità ed affidabilità ed infatti il sito non tradisce le aspettative dell’utente fornendo aggiornamenti quotidiani e offerte di lavoro nei più svariati settori.
  • http://miojob.repubblica.it/. E’ simile al trova lavoro di CdS ma del “concorrente” quotidiano Repubblica.
  • Linkedin. Si tratta di una rete sociale che consente ai professionisti di entrare in contatto. Lo scopo del sito è contattare profili di lavoro simili al proprio così da avere condivisione di rapporti, scambi di opinioni, ed opportunità di business oltre alla possibilità di pubblicare offerte di lavoro.