Stipulare l’assicurazione sugli pneumatici, gli aspetti da valutare

Una delle prime cose che si tende a fare non appena si acquista un’automobile è quella di assicurarla contro eventuali sinistri che possono accadere nel corso della sua “esistenza”; tuttavia, esistono fatti per i quali l’assicurazione non può nulla, come ad esempio gesti vandalici o danneggiamenti per i quali non c’è alcun modo di essere ripagati o rimborsati. A questo punto rimane quindi una sola cosa da fare: aggiungere un’assicurazione per gli pneumatici alla classica polizza assicurativa. Per quanto possa sembrare strano, infatti, esiste anche l’assicurazione sugli pneumatici: grazie a questo tipo di polizze è possibile ottenere un risarcimento nel caso in cui le gomme dovessero essere danneggiate da terzi. Prima di fare l’assicurazione sugli pneumatici è bene informarsi prima se questa è già inclusa nella polizza auto; ad ogni modo può essere proposta in un secondo momento, quando ad esempio si va dal gommista di fiducia per cambiare l’interno degli pneumatici. Bisogna poi prestare grande attenzione a ciò che è incluso dentro l’assicurazione sugli pneumatici: alcune di queste polizze non includono, infatti, gli atti vandalici oppure il difetto di fabbrica. Quando si fa l’assicurazione sugli pneumatici, poi, bisogna informarsi subito come muoversi nel caso in cui le gomme subiscano dei danneggiamenti. Può capitare infatti che le gomme si buchino a seguito di impatti con oggetti taglienti sulla strada, oppure che qualcuno decida, per dispetto oppure per fare qualche atto vandalico con gli amici, di tagliare le gomme. In questo caso non c’è altra cosa da fare se non recarsi dal proprio gommista di fiducia, il quale controllerà se lo pneumatico può essere riparato o è necessario procedere con la sostituzione. Un’altra cosa importante da tenere a mente è che l’assicurazione sugli pneumatici non prevede alcun limite sul numero di interventi da eseguire, mentre ci sono dei paletti sul valore dello pneumatico. Infine, esistono ovviamente dei casi in cui la copertura non è prevista: quando lo pneumatico è troppo usurato, quando le catene da neve hanno provocato danni, quando lo pneumatico mostra segni di danneggiamento a seguito di contatto prolungato con fonti di calore oppure con acidi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>